5 CONTINENTS EDITIONS
 
SHARE

Des cuillères et des hommes

Introduzione di Serge le Guennan
Testi di Max Itzikovitz, Robert Neuburger, Olivier Céna,
Amaelle Favreau, Bruno Gay, Maine Durieu, Robert Gadessaud,
Tita Reut, Patrick Grimaud e Philibert Got
Disegni di Didier Derre
Fotografie di Nicolas Bruant

Possano questi cucchiai dare nutrimento, in senso letterale e figurato.”

Questo libro propone un viaggio attorno al mondo avendo come unica guida il cucchiaio: piccolo oggetto di uso quotidiano, presente in tutte le civiltà fin dai tempi antichi. La ricca collezione di cucchiai provenienti dall’arte popolare europea, dalle tribù dan, zulù e dai popoli dello Zaire, da quelli del Sudest asiatico passando da quelli di Sumatra, riuniti nel corso degli anni da Serge le Guennan, riflette le varietà di costumi e tradizioni, ma anche dei gusti dei diversi popoli. Prodotti nei cinque continenti, ricchi nella loro esecuzione o semplificati all’estremo, essi illustrano la fantasia inesauribile dell’uomo attraverso l’uso di una gamma molto ampia di materie prime come legno, conchiglie e avorio. Il libro, diviso in cinque capitoli Europa, Americhe, Africa, Sudest Asiatico e Oceania presenta una selezione di 130 cucchiai basata su un criterio puramente estetico e riunisce oggetti provenienti da epoche diverse: il più antico è datato all’VIII secolo ma la gran parte è legata alle arti primitive dei secoli XVIII e XIX.

Lo sguardo alle diverse popolazioni passa attraverso i disegni dal vero di Didier Derre, artista che con un lavoro durato quasi due anni, secondo lo spirito dei disegni di viaggio del XIX secolo, è riuscito a trasmettere l’importanza del dettaglio e la bellezza di questo semplice oggetto di uso quotidiano.

Serge le Guennan è mercante e collezionista di arte primitiva dal 1975. La sua collezione è conservata nella sua galleria Galerie SL a Parigi, e alcuni dei suoi oggetti sono esposti nei principali musei quali il musée du Quai Branly e il musée Barbier-Mueller.
Max Itzikovitz è un collezionista d’arte primitiva conosciuto in tutto il mondo.
Robert Neuburger è psichiatra e collezionista di arte primitiva.
Olivier Céna è uno scrittore e critico d’arte per Telerama, specializzato in arte moderna e contemporanea.
Amaelle Favreau è africanista laureata all’Ecole du Louvre; è guida-conferenziere presso il musée du Quai Branly, professoressa presso l’Ecole du Louvre e l’Institut Catholique de Paris.
Bruno Gay, collezionista, ha contribuito a numerosi libri sull’arte primitiva.
Maine Durieu è una gallerista specializzata in Africa occidentale. Nel 2005 ha organizzato una mostra dedicata ai bronzi Gan, gruppo etnico del Burkina Faso.
Robert Gadessaud è collezionista di cucchiai da tutto il mondo e specializzato nelle tradizioni e culture bretoni.
Tita Reut è poetessa, editrice e curatrice di numerose mostre internazionali di arte contemporanea. È collaboratrice dello scultore Arman, con il quale ha pubblicato numerosi libri. Fondatrice nel 2005 delle Editions de l’Ariane.
Patrick Grimaud è collezionista di arti dell’Himalaya e appassionato di sciamanesimo.
Philibert Got è studente di filosofia.
Didier Derre è disegnatore autodidatta, orientato alla tradizione dei disegnatori viaggiatori.
Nicolas Bruant è un fotografo riconosciuto; le sue foto sono spesso pubblicate sulle riviste “Côté Sud”, “Condé Nast Traveller” ed “Elle Décoration”. Ha anche contribuito a diversi libri sull’Africa, tra cui La Statuaire primitive de l’ouest du Népal. 

Lingua : FR

Dimensioni : 20 x 26 cm

Pagine : 160

Rilegatura : cartonato

Illustrazioni : 25 illustrazioni a colori e 83 in b/n

ISBN : 978-88-7439-594-1

Mese | Anno di pubblicazione : Giugno 2012

Prezzo : 35,00 €

Scarica PDF

Prezzo: € 35,00

Suggeriti dall'editore