5 CONTINENTS EDITIONS
 
SHARE

Gold, Silver and Brass

Jewellery of the Batak in Sumatra, Indonesia

Achim Sibeth

Tra le centinaia di gruppi etnici che vivono in Indonesia, i Batak sono probabilmente i più noti. Molto è stato scritto nel corso degli ultimi trent’anni sulle loro tradizioni artistiche, l’architettura, le sculture, i tessuti. Eppure nessuna delle pubblicazioni sulla cultura Batak si è interessata in profondità ai loro gioielli tradizionali. Per i Batak, l’oro e gli altri metalli preziosi non solo erano importanti nella vita quotidiana e durante le celebrazioni pubbliche, ma avevano anche funzioni molto specifiche nella religione tradizionale. Tuttavia, l’aspetto religioso dei gioielli è quasi caduto nell’oblio dal XIX secolo, data della conversione delle popolazioni al cristianesimo e all’islam.

I gioielli dei Batak sono caratterizzati da una grande varietà di forme e materiali. Hanno giocato tutti i tipi di ruoli all’interno della comunità simboli di status sociale, emblemi di alto rango, attributi di appartenenza a un particolare gruppo di età, amuleti e talismani, o semplicemente ornamenti decorativi. I gioielli venivano indossati dagli uomini e dalle donne; anche i neonati e i bambini indossavano gioielli in oro, argento, ottone o bronzo, o fatti di una lega d’oro e rame chiamata suasa, ma essi, naturalmente, erano diversi a seconda del sesso e dell’età di chi li indossava.

Oggi i Batak indossano gioielli tradizionali solo in determinate occasioni, per feste o matrimoni. Se una famiglia non possiede gioielli, è consuetudine che un’altra famiglia glieli presti. Anche i gioiellieri e gli orafi li prestano, ma a pagamento. Tuttavia, numerose famiglie si sono allontanate da queste tradizioni e preferiscono risparmiare la spesa. Molti modelli di gioielli qui presentati non sono più noti nei loro luoghi di origine. I gioielli tradizionali nella maggior parte sono stati fusi per altri usi. I 300 oggetti preziosi contenuti in questo libro avrebbero probabilmente subito la stessa sorte se non fossero arrivati sul mercato dell’arte e poi nelle collezioni della Mandala Foundation di Singapore e oggi in queste pagine.

Achim Sibeth, nato nel 1954 a Tubinga, in Germania, ha studiato antropologia culturale e storia dell’arte presso l’Università di Friburgo, in Germania, dove si è interessato in particolare alle culture indonesiane, tra cui quella dei Batak, dei Giavanesi e dei Ngadha dell’isola di Flores. Ha fatto numerose ricerche sul campo in Indonesia e scritto diverse opere importanti, oltre a numerosi saggi sull’arte e la cultura di questo paese. È noto per la sua vasta conoscenza dell’arte Batak. Dopo aver trascorso diversi anni come antropologo presso il famoso Linden Museum di Stoccarda negli anni ottanta, ha ricoperto il ruolo di curatore della Collection d’Asie du Sud-Est del Musée des cultures du Monde di Francoforte sul Meno dal 1990 al 2010. Ha inoltre organizzato numerose mostre ben accolte dalla critica, per promuovere la conoscenza e la comprensione dell’arte indonesiana, sia tradizionale sia contemporanea. Da aprile 2010 è curatore e direttore delle collezioni della Mandala Foundation di Singapore. 

Lingua : ING

Dimensioni : 26 x 30 cm

Pagine : 192

Rilegatura : cartonato con sovracoperta

Illustrazioni : 215 illustrazioni a colori

ISBN : 978-88-7439-626-9

Mese | Anno di pubblicazione : Aprile 2012

Prezzo : 45,00 €

Scarica PDF

Prezzo: € 45,00

Suggeriti dall'editore