5 CONTINENTS EDITIONS
 
SHARE

Le Bleu des Mers

Dialogues entre la Chine, la Perse et l'Europe

Testi di Monique Crick, Yolande Crowe e Alice Frech

Il libro rientra nel filone d’interesse sui rapporti commerciali, culturali e artistici in Estremo Oriente, Asia ed Europa occidentale. A partire dalla Pax Mongolica, i contatti tra queste aree sono andati intensificandosi con l’espansione dell’Europa alla fine del XV secolo. Il volume ripercorre l’affascinante epopea degli scopritori portoghesi e olandesi partiti alla ricerca di spezie e tornati con una novità nelle stive delle loro navi: la porcellana cinese a decori bianchi e blu prodotta durante la dinastia Ming (1368-1644), prima appannaggio esclusivo delle famiglie reali, poi diventata più accessibile grazie ai grandi carichi della Compagnia delle Indie orientali olandese. L’introduzione della porcellana in Europa e nella Persia dei Safavidi, avrà una profonda influenza sull’arte decorativa locale, sulla ceramica persiana e sulla pittura europea alla quale sono dedicati due capitoli. Le porcellane cinesi entrano nelle miniature del mondo musulmano, poi nella pittura di nature morte e in quella religiosa, attestando l’impiego di questo prezioso materiale e il suo impatto sulla vita quotidiana. In questo dialogo storico e artistico, il lettore scopre attraverso i testi e le opere, la presenza eterna della ceramica cinese.

Monique Crick è una storica dell’arte esperta di Arti dell’Estremo oriente. Dopo essere stata ricercatrice indipendente, responsabile delle missioni al Musée National des Arts asiatiques-Guimet et al Musée Cernuschi dove ha fondato la Société française d’études de la céramique orientale (Sfeco), da gennaio 2003 dirige la Fondation Baur, Musée des Arts d’Extrême-Orient a Ginevra. Ha partecipato a diversi scavi archeologici sottomarini nel sudest asiatico, redatto numerosi articoli e cataloghi ed è stata commissario scientifico di diverse mostre.

Yolande Crowe ricercatrice indipendente e storica dell’arte del mondo musulmano, ha insegnato ceramica e architettura in Inghilterra e negli Stati Uniti. Ha inoltre lavorato sui reperti archeologici provenienti da siti iraniani e afgani. A lei si devono numerosi articoli sulle arti decorative e sull’architettura dell’Islam. La sua ricerca s’incentra in particolare sui rapporti transculturali in Eurasia. È l’autrice di Persia and China: Safavid blue and white ceramics in the Victoria and Albert Museum 1501-1738 (2002).

Alice Frech dopo la laurea in Storia dell’arte presso l’Università di Strasburgo e un MBA in gestione del mercato dell’arte, entra nella galleria De Jonckheere specializzata in pittura fiamminga del XVI e XVII secolo. Contemporaneamente, consegue una tesi di dottorato sugli appassionati di nature morte nei salotti del XVIII secolo. Dal 2011, dirige la galleria De Jonckheere di Ginevra ed è responsabile delle ricerche documentarie.

Lingua : FR

Dimensioni : 21 x 27 cm

Pagine : 216

Rilegatura : brossura

Illustrazioni : 156 illustrazioni a colori

ISBN : 978-88-7439-774-7

Mese | Anno di pubblicazione : Dicembre 2017

Prezzo : 50,00 €

Questo libro non é al momento disponibile, fornisci un indirizzo email per essere ricontattato appena tornerà disponibile

Suggeriti dall'editore